logo associazione lettori torresi
Selezione manoscritti, ALT! lancia un nuovo concorso letterario - Associazione ALT!
16621
post-template-default,single,single-post,postid-16621,single-format-standard,pmpro-body-has-access,ajax_fade,page_not_loaded,,side_menu_slide_with_content,width_470,columns-4,qode-child-theme-ver-10.1.1.1489922595,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Selezione manoscritti, ALT! lancia un nuovo concorso letterario

Selezione manoscritti, ALT! lancia un nuovo concorso letterario

Dopo il successo della prima antologia dedicata all’immagine poetica e suggestiva de “l’Altalena”, ALT! Edizioni propone una nuova sfida a quanti desiderano cimentarsi con la scrittura.

Tutti noi sappiamo quanto siano importanti le prime parole di una storia, per il loro potere di tirare il lettore dentro la narrazione, e come siano stati proprio alcuni incipit a rendere famosi certi romanzi. Il guanto di sfida consiste, dunque, nel partire da un incipit predefinito, che serva da inizio obbligato, da un lato, e da fonte di ispirazione, dall’altro.

Nel 2019 celebreremo il centenario della nascita di Primo Levi, scrittore italiano che, attraverso la sua letteratura, ci ha regalato un’importante testimonianza riguardo le deportazioni naziste, in quanto sopravvissuto alla Shoah. Per ricordare Primo Levi abbiamo deciso di lasciarci ispirare dall’incipit di uno dei suoi scritti, “I sommersi e i salvati” (1986), un titolo che oltre a far pensare all’esperienza terribile
dei lager, stimola anche a una riflessione sul nostro presente, sulla nostra generazione, in cui è difficile contrapporre i buoni ai cattivi, i giusti agli ingiusti, le vittime ai carnefici. Il vero conflitto è tra chi riesce a sopravvivere (i salvati) e chi non ce la fa (i sommersi).

Nessun obbligo di trattare le tematiche del testo di riferimento, né di attenersi ad un genere specifico, l’unico vincolo è quello di cominciare il proprio racconto con il seguente incipit:

“La memoria umana è uno strumento meraviglioso ma fallace. È questa una verità logora, nota non solo agli psicologi, ma anche a chiunque abbia posto attenzione al comportamento di chi lo circonda, o al suo stesso comportamento.”

La scadenza per la presentazione dei racconti è fissata al 30 novembre 2018. I dieci finalisti vedranno la loro opera pubblicata sul secondo volume antologico di ALT!

Scarica il bando

Buona fortuna, e che vincano i racconti migliori!

No Comments

Post A Comment